cefalu

Cefalù

La Sicilia (25.426 km²) è la più grande isola del Mediterraneo, separata dalla Calabria (e dal continente) dallo Stretto di Messina, che ha una larghezza di soli 3 km, si trova all’estremità meridionale della penisola italiana e nel centro del mar Mediterraneo. Il canale di Sicilia, largo 140 km divide la Sicilia dall’Africa.

La regione (25.711 km², 5 046 654 abitanti nel 2010) che è, per dimensione, la più grande regione d’Italia è formata oltre che dall’isola principale anche dagli arcipelaghi delle isole Eolie, delle Egadi, delle Pelagie, e dalle isole di Ustica e Pantelleria.

La Sicilia è un libro di storia dell’arte, un compendio delle più grandi civilizzazioni e culture di tutti i tempi. Ma anche la natura è un forte richiamo per il turista, il mare e gli arcipelaghi attorno all’isola principale sono tra le mete più gettonate, l’Etna, il più grande vulcano attivo d’Europa è un altra meta immancabile.

L’isola è ricca di storia: in Sicilia si trovano i templi greci meglio conservati al mondo (Agrigento, Selinunte, Segesta, Siracusa, Taormina); splendidi mosaici Romani (Piazza Armerina); cattedrali del periodo Normanno (Cefalù, Palermo, Monreale); chiese, palazzi e monumenti in barocco siciliano (Noto, Scicli, Modica, Ragusa Ibla ecc).

Segesta-Blog-2

Segesta

In Sicilia si sono incontrate e fuse civiltà tra le più grandi e importanti della storia umana, l’isola è un simbolo per quanto riguarda gli incroci architettonici dei suoi monumenti, edificati spesso seguendo una stratificazione di culture, epoche e arti provenienti da varie culture mediterranee e nord-europee. Essendo un isola, il mare è un altro forte richiamo per il turismo, la Sicilia presenta spesso coste sassose e ghiaiose, ma non mancano vaste spiagge, in particolare gli arcipelaghi che la circondano, come le isole Egadi, le isole Eolie isole Pelagie hanno incantevoli paesaggi costieri e un mare cristallino.

Coloro che sono interessati nel paesaggio possono scegliere tra le riserve naturali dei parchi dell’Etna, delle Madonie e dei Nebrodi, l’isola vulcanica di Pantelleria, e gli arcipelaghi delle isole Pelagie, Eolie e Egadi.

L’UNESCO ha inserito 6 località siciliane nella lista dei luoghi patrimonio mondiale dell’umanità:

  1. L’Area archeologica di Agrigento (1997).
  2. Le città tardo-barocche della Val di Noto (Sicilia di Sud-Est) (2002).
  3. La città di Siracusa e la Necropoli di Pantalica (2005).
  4. Le Isole Eolie (2000).
  5. La Villa Romana del Casale a Piazza Armerina (1997).
  6. Il vulcano Etna (2013).
scala-dei-turchi

Scala dei Turchi

Mentre altre 3 località sono in lista per essere iscritte:

  1. Le cattedrali di Palermo e Monreale
  2. Taormina e l’Isola Bella
  3. L’isola di Mozia e Lilibeo: la civilizzazione Fenicio-Punica in Italia.

 

Le attrazioni sono innumerevoli, è impossibile elencarle tutte, ma proviamo a suggerire alcune destinazioni:

Taormina
Nonostante sia una piccolissima città, Taormina è una delle località turistiche più visitate in tutta Italia. Arroccata su una collina a circa 250 metri sopra il livello del mare, Taormina si trova a metà strada tra Messina e Catania, posizione strategica per godersi delle veloci escursioni lungo la costa orientale della Sicilia.

La storia di Taormina ha inizio nel lontano IV secolo e la sua bellezza è rappresentata principalmente dalla presenza di importanti monumenti come il Teatro Greco, ancora oggi palcoscenico di numerosi concerti e attività culturali. Tra i luoghi da non perdere nei dintorni di Taormina, un posto d’onore è da dedicare ai Giardini Naxos, Isola Bella e Mazzarò.

Siracusa e l’Isola di Ortigia
Siracusa è una città splendida, situata nell’angolo a sud-est dell’Isola. Può essere suddivisa in due zone differenti: l’Isola di Ortigia, che è collegata alla terraferma da un breve passerella, e il centro principale di Siracusa. È stata la più importante città greca e, ancora oggi, si può rivivere il suo glorioso passato visitando la sua vasta area archeologica composta da numerosi templi, un teatro, un anfiteatro e una necropoli. Ortigia, chiamata anche la Città Vecchia, è il luogo ideale per concedersi delle lunghe passeggiare poiché gran parte del fascino dell’isola è racchiuso nei suoi stretti vicoli medievali.

SONY DSC

Siracusa

Lampedusa e la Spiaggia dei Conigli – Isole Pelagie
Situata nel Mar Mediterraneo, tra Malta e la Tunisia, Lampedusa è la più grande delle Isole Pelagie, un piccolo arcipelago che comprende anche gli isolotti di Linosa e Lampione. Situate nella parte meridionale dell’isola di Lampedusa e inserita in un parco naturale, si trova la famosa Spiaggia dei Conigli che nel 2013, è stata votata come migliore spiaggia del mondo su TripAdvisor. È caratterizzata da un sottile e bianco arenile, acque cristalline e un basso fondale. Di fronte alla spiaggia scorgerete l’omonima isola, che purtroppo non può essere visitata: il suo accesso è monitorato 24/7, al fine di proteggere le tartarughe che depongono le uova sulla spiaggia.

Val di Noto
Caltagirone, Militello Val di Catania, Catania, Modica, Noto, Palazzolo, Ragusa e Scicli sono le otto città della Sicilia sud-orientale che compongono l’affascinante Val di Noto. Dal 2002 è entrato a far parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO poiché rappresenta un “un’eccezionale testimonianza dell’arte ed architettura tardo barocca e rappresenta il culmine e l’ultimo periodo fiorente dell’arte barocca in Europa”. Generalmente etichettate come un “must” tra le attrazioni turistiche della Sicilia, Val di Noto si compone da piccole e splendide citta “in miniatura” i cui centri storici sono popolati quasi interamente da palazzi e chiese in stile Barocco.

Isole Eolie
Tutte rigorosamente di origine vulcanica, le sette Isole Eolie sono circondate dal Mar Tirreno e si trovano a nord della Sicilia: Lipari, Vulcano, Salina, Stromboli, Filicudi, Alicudi, Panarea e Basiluzzo. L’isola più grande e la più turistica è Lipari, mentre i viaggiatori più audaci non perdono l’occasione per arrampicarsi fino ai crateri di Vulcano e Stromboli, i due vulcani ancora attivi dell’arcipelago. Dopo il tramonto, potrete godere appieno del cielo stellato, grazie alla decisione del Comune di non mettere nessuna illuminazione sulle isole. Le Isole Eolie sono state dichiarate dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Agrigento e la Valle dei Templi
Meglio conosciuta come la città dei templi, Agrigento si trova sulla costa meridionale della Sicilia. Vicino al mare e proprio a sud della “città moderna”, circondata da ulivi secolari, si trovano alcuni tra i templi greci meglio conservati al mondo. La Valle dei Templi è una magnifica collezione di ben sette templi risalenti al VI e V secolo a.C. Agrigento vanta non solo antiche e affascinanti rovine greche, ma anche esempi di architettura barocca, numerose spiagge, isole meravigliose e acque limpide.

Cefalù
Amata sia dai turisti sia dagli stessi siciliani, questo splendido angolo di Sicilia è il luogo ideale per una vacanza al mare e lunghe giornate che si concludono con romantici tramonti. Cefalù è una delle città di mare della costa settentrionale della Sicilia, in provincia di Palermo. A pochi passi dal centro storico e dalle sue stradine medievali, fiancheggiate da numerosi negozi e ristoranti, si raggiunge la spiaggia dorata di Cefalù.

noto

Noto

Monte Etna
Sulla costa orientale della Sicilia, a breve distanza dallo Stretto di Messina, si trova l’Etna, Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. È una delle principali attrazioni naturalistiche della Sicilia nonché la montagna più alta dell’Isola. L’Etna è inoltre uno dei vulcani più attivi del mondo, e il più attivo in Europa. La sua altitudine cambia ad ogni eruzione e, nonostante nel corso dei secoli alcune colate laviche hanno raggiunto la costa, è una delle principali mete della Sicilia, con migliaia di visitatori ogni anno. L’Etna offre sia vacanze sulla neve nei mesi invernali, sia escursioni mozzafiato presso i suoi boschi durante l’estate.

San Vito Lo Capo e la Riserva Naturale dello Zingaro
Soprannominata “i Caraibi siciliani”, la splendida spiaggia di San Vito Lo Capo si trova su una baia tra spettacolari montagne che sembrano sorgere dallo stesso mare. È infatti una meta assai popolare tra gli alpinisti locali e gli escursionisti. San Vito Lo Capo è un tesero e, al contempo, un omaggio al Mediterraneo: sabbia bianca, acque smeraldine e una vista incredibile sulla circostante Riserva Naturale dello Zingaro. Modellata dalla natura nel corso dei secoli, la Riserva dello Zingaro è stata la prima area protetta della Sicilia, creata nel 1981. Si tratta di un vero e proprio paradiso naturalistico grazie alla grande varietà di flora e fauna che caratterizzano i suoi 1.600 ettari.

E naturalmente non dimenticate di approfittare della magnifica gastronomia siciliana!